attivare un alert - sbam.io

Attivare un alert (o avviso) per monitorare il tuo brand


7 Gennaio 2020

“Partire con il piede giusto” non è mai così semplice come si dice. Con l’inizio di un nuovo anno ci chiediamo se abbiamo agito correttamente fino ad adesso e se valga la pena fermarsi per riflettere sugli errori dell’anno precedente. 

I buoni propositi sono ormai inefficaci, troppo teorici; eccoti quindi la prima di 5 buone pratiche per iniziare il tuo 2020 nel migliore dei modi.

 

Attivare un Alert

 

Quando si inizia un nuovo progetto una delle attività più utili da effettuare è l’attivazione di un “alert”.

Attivare un alert (cioè un avviso) significa essere avvertiti quando online si parla di te. Nello specifico, è possibile monitorare sul web delle parole chiave –  da te inserite – in modo da scoprire quando qualcuno ti sta citando.

alert alarm clock sbam.io

Perchè dovresti attivare un avviso?

 

Questa pratica è molto diffusa perchè ti permette di sapere cosa si dice sul tuo brand, oppure semplicemente ricevere delle notizie su un argomento specifico.

 

Inoltre, essere a conoscenza del parere di un esterno, relativamente alla tua attività, può:

  • aiutarti a renderti conto di problemi a cui non hai dato peso o che hai sottovalutato;
  • essere un buon modo per farti conoscere da una cerchia che non è la tua;
  • migliorare l’opinione che si ha di te o del tuo brand.

 

Avere questo genere di informazioni può condizionare anche l’attività comunicativa che svolgi online e modificare così la strategia che avevi pronosticato.

strategy sbam.io

Ricorda che tenere sotto controllo le tendenze nel tuo settore può aiutarti ad essere uno tra i primi a parlare di un certo argomento: utilizza queste informazioni per portare nuovi contenuti sui social!

 

Come puoi attivare un avviso?

 

Essendo gratuito, lo strumento più diffuso per attivare un alert è sicuramente Google Alert.

Per l’attivazione ti servirà un account Gmail e collegarti a google.it/alerts: una volta dentro ti basterà digitare la parola chiave che vuoi monitorare e cliccare su “creare un avviso”.

Durante la creazione dell’avviso puoi anche decidere:

  • frequenza delle segnalazioni;
  • fonti;
  • lingua;
  • regione;
  • numero di risultati.

Anteprima google alert - sbam.io

Cosa monitorare con Google Alert?

 

Per sfruttarli al massimo puoi lavorare su tre tipologie di avvisi:

 

  • Tu e il tuo brand

Che tu faccia personal branding o che lavori per un brand, ciò che importa è sapere cosa si dice di te o dell’azienda per la quale lavori.

Per questo motivo puoi analizzare:

    • nome e cognome delle persone più influenti/rilevanti all’interno del brand (tu stesso se lavori autonomamente);
    • nome e url del sito o blog.

 

  • Competitor

Puoi utilizzare lo stesso principio descritto nel punto precedente per spiare un tuo concorrente: meglio sapere cosa succede attorno al tuo brand!

 

  • Topic

Se operi in un settore specifico non puoi perderti le novità da sfruttare nella tua strategia comunicativa e nella produzione di contenuti. 

Anologamente puoi analizzare categorie e prodotti del tuo e-commerce e scoprire se ci sono novità nel settore.

shopping sbam.io

 

Tool alternativi a Google 

Se non hai un account gmail o hai già provato Google Alert e non sei rimasto troppo soddisfatto, puoi provare un tool analogo come Mention.

 

In questo caso il tool è molto simile al primo, ad eccezione del prezzo.

 

Utilizzare gli hashtag su Instagram

 

Segui la nostra pagina Facebook e il nostro profilo Instagram e attiva le notifiche per scoprire la prossima buona pratica “Utilizzare gli hashtag su Instagram”.

 

Facebook https://www.facebook.com/sbamapp/

Instagram – https://www.instagram.com/sbam.io/

Scritto da


Condividi


Amiamo ricevere i tuoi commenti a comunicazione@sbam.io

Articoli recenti